fratto c – fratto c2

BANNER

Performance teatrale da testi di Carlo Vincenti
Ideazione e Regia di Alfonso Prota e Fabio Vincenti

f  r  a  t  t  o  c    è una voce multipla, non lineare, è la composizione causale di testi poetici, prose e lettere di Carlo Vincenti, di rumori della sua città e frammenti sonori concreti prodotti da una Tavola Armonica.    f  r  a  t  t  o  c    vuole essere la manifestazione acustica e corporea dei collage.

La prima dell’istallazione–concerto /C è stata messa in scena a Viterbo, ex Chiesa di Sant’Egidio, il 28 ottobre 2016. In quell’occasione La musica è Antonio ToniettiLa prosa è Elena Crucianelli, La lettera è Carlotta Mangione, La poesia è Verdiana Costanzo, è Davide Paciolla.

 Il video su YouTube (30 min.)

Il libro in vendita on line: GB EditoriA, Roma, 2016


F r a t t o C – 28 ottobre 2016 – Ph Rocco Franceschi


qda e PV


Avvertenze per un corretto uso

f  r  a  t  t  o  c è un sistema complesso, regolato da relazioni non lineari, costituito da parole e persone esistenti, esistite, immaginate o inventate, inserite in un ambiente esistente, esistito, immaginato o inventato. Strutture e funzioni di f  r  a  t  t  o  c sono regolate dallo scambio di frammenti individuali, collettivi, reali o immaginari. Strutture e funzioni dipendono sia dal frammento che viene scambiato, sia dai soggetti che partecipano al sistema, sia dall’ambiente a cui fa riferimento il frammento, sia dall’ambiente in cui lo scambio avviene. Soggetti che si pongono in relazione per attivare f  r  a  t  t  o  c non sono in grado di stabilire a priori quali saranno gli effetti sul sistema. La messa in scena di f  r  a  t  t  o  c, essendo essa stessa basata sullo scambio di informazione, altera il sistema: anche chi osserva ha un ruolo attivo e soggettivo, è un osservatore partecipante. f  r  a  t  t  o  c  è una macchina mirifica in cui entrano parole ed escono racconti, persone e paesaggi. Un soggetto, che si ponga in osservazione di  f  r  a  t  t  o  c  nell’istante n, percepisce una forma apparente e statica del sistema, ne vede un fotogramma. Il fotogramma all’istante n può assumere forma di racconto orale, scritto, performance teatrale, mostra, istallazione sonora, concerto, video istallazione, etc. f  r  a  t  t  o  c  è una voce multipla, non lineare, è la composizione “casuale” di testi poetici, prose e lettere di Carlo Vincenti, di rumori della sua città e frammenti sonori concreti prodotti da uno strumento-collage costruito per l’occasione da Antonio Tonietti.  f  r  a  t  t  o  c   vuole essere la manifestazione acustica e corporea dei collage di Carlo Vincenti.


fratto C2

6 gennaio 2019,  f r a t t o  c  seconda parte: Fabio Vincenti legge alcune prose del fratello Carlo, accompagnato dai collage sonori prodotti da Antonio Tonietti e Alfonso Prota (regista).

Scomparire dentro la bestemmia del rifiuto, scolorire e screpolarsi sopra il grigio della città, stonare parole e suoni. FrattoC2 cancella quello che Carlo non dice e che vorrebbe silenzioso, ma che invece riverbera a ogni lettura. Due strumenti informali, fatti di resti, le voci di chi ha conosciuto e sconosciuto Carlo, i suoi scritti manifesti in forma di suono, gli spazi ridotti di una stanza registrata, la polvere che rovina i suoni, il colore del vetro, le linee rotte di una conchiglia.

Riprese video di Marco Mingarelli su YouTube (18 min.)

copia-di-frattoc2_2bis

ph Francesco Galli


2 agosto 2019 a Montefiascone, ex carceri papali.
FrattoC2 terza parte: finestre sul Rapimento
Finestre sul Rapimento della conoscenza, di cubicoli di malta e cemento, screpolati sulle pietre del tempo. Le parole di Carlo, cadute nei silenzi totalitari, rivendicano un finimondo che non arriva mai, dentro cui dovremmo addormentarci, come onde di colla, anilina e carta. Diamo voce a Vincenti, e viva, per sempre. Fratto C/2, i suoni, le parole, le opere. Carlo Vincenti, VescoVI, 5 esco 6.  [trailer su YouTube di Marco Mingarelli]

fc2